Foto gallery

nonnaIMG9910

Recensioni

nonnarec1lw

La nonna

Autore:
Roberto Cossa

Regia:
Marco Cantieri

TRADUTTORE: Nestor Garay

GENERE: Grottesco

FASCIA D’ETA’ CONSIGLIATA: Pubblico adulto

ATTI: 2

MUSICHE: Riproduzione CD

CAST ARTISTICO: Marco Cantieri, Adriana Giacomino, Franca Guerra, Arnaldo Pernigo,Francesco Mazzi, Enrico Marino, Lidia Roncolato, Elena Fasanari, Lorenza Gelmetti.

ANNO PRODUZIONE: 2010

DURATA SPETTACOLO: 1 ora e 45 min.

ESIGENZE TECNICHE: Palco min. 6x8, 12 fari piazzati completi di gelatine, impianto audio completo di casse, lettore CD, quintaggio nero.

All’occorrenza audio e luci s’intendono autonomi.

TRAMA

E’ il testo più conosciuto, più rappresentato e più famoso del teatro argentino. Raramente mi è capitato di leggere una commedia così triste e ridere a crepapelle. L’idea drammaturgica è straordinaria! Una semplice famiglia di emigranti che cerca in qualche modo di sbarcare il lunario: il povero Carmelo e sua moglie Maria gestiscono un chiosco di frutta e verdura, mentre Narciso, fratello di Carmelo, passa il tempo componendo tanghi da vendere in Giappone. Zia Angela aiuta nei lavori di casa e Marta,  figlia di Carmelo, si prodiga come può per contribuire alla sopravvivenza della famiglia.

Ed ecco la nonna: in apparenza una cara, dolce vecchietta di centoquattro anni che gira per casa mangiando tutto quello che trova. La sua sembra una fame insaziabile: ogni volta si spera che questo incubo finisca, ma lei, regolarmente, reclama cibo, cibo, cibo!!!

Carmelo le prova tutte: la allontana di casa, ma lei ritorna più affamata di prima! La danno in sposa all’ignaro Gasparo, proprietario di un negozio di dolciumi: immaginate un po’ come va a finire…

E la commedia, in un geniale alternarsi di momenti tragicomici, precipita verso un finale veramente indimenticabile!!

 

Note di regia

Testo bellissimo! Interessantissima l’idea di identificare il potere con una figura così esile, debole, ma inestirpabile: perché questo è il messaggio: LA NONNA NON MUORE MAI!!

L’idea registica è quella di mettere in risalto quella che viene definita la “gerarchia del potere”.

Una struttura piramidale dove l’oppresso diventa a sua volta piccolo oppressore, creando una catena che non troverà mai fine.

Ma la cosa più bella è che paradossalmente, si ride dall’inizio alla fine dello spettacolo in un crescendo di situazioni alcune volte veramente esilaranti!

E la nonna? Che dire: gli anni passano ma purtroppo la fame non accenna a placarsi! Anzi, oserei dire che è in continuo aumento!!

 

 

.

Compagnia Teatrale
scrittaarmathanbis1
item7
ArrowDown3lilla2

TEATRO ARMATHAN • Via Emo,10 • 37138 VERONA • Tel. 045 6801682 - 338 6000334 • Fax 045 9251227 • e-mail: info@teatroarmathan.it - credits: www.pastweb.net